progettazione sito internet progettazione siti web creazione sito web realizzazione sito web creazione siti web realizzazione siti web progettazione e realizzazione sito internet web agency agenzia web Graficherò web agency agenzia web perugia web agency umbria Graficherò web agency bastia umbra ottimizzazione siti internet posizionamento nei motori di ricerca

AREA CLIENTI


Non sei un nostro cliente? Sei interessato al nostro lavoro? Richiedi un preventivo per il tuo progetto

Guerrilla Gardening:

il guerrilla marketing entra nel sociale per rendere

le nostre città più verdi, curate e belle



Il guerrilla marketing nasce come comunicazione alternativa, di tipo non convenzionale rispetto a quelle veicolate tramite i classici mass media attuata da aziende e organizzazioni no profit per colpire di sorpresa la gente attraverso azioni improvvise, emozionali, suggestive, ironiche, irriverenti, provocatorie destinate per il loro contenuto, significato e carattere a diffondersi in maniera virale tramite il passaparola.
Di seguito riportiamo alcuni esempi di operazioni di guerrilla svolte on the road.

 








  
 
Molto interessante è l’esperienza dei guerrilla gardeners italiani che hanno fatto propria la filosofia guerrilla per rispondere in maniera creativa e fattiva all’esigenza di restituire agli spazi urbani sempre più cementificati, inquinati e imbruttiti freschezza, salubrità, bellezza.

Il Guerrilla Gardening è un movimento (diffuso in tutto il pianeta) i cui attivisti praticano una sorta di giardinaggio politico, trasformando in aiuole fiorite e angoli verdi le aree degradate e abbandonate della città.



Nel sito www.guerrillagardening.it è possibili trovare idee e consigli su come fare guerrilla gardening. Interessanti sono i riferimenti a tecniche e strumenti militari tipici della guerriglia, naturalmente adattati ad un contesto più che pacifico.
Ad esempio come costruire una bomba di semi: avvolgi in carta di giornale terriccio, fertilizzante, e semi di fiori che vorresti veder nascere. Il tutto imbevuto d'acqua. Ora avvicinati ad un cantiere in disuso o ad una zona abbandonata e lancia le flower-bomb. Dopo qualche settimana potrai apprezzare splendide fioriture in luoghi dimenticati.



Seguono i suggerimenti su come prepararsi all’ATTACCO: ricorda sempre di preparare nei dettagli la spedizione, facendo una perlustrazione di pomeriggio e valutando se i passanti sono molti e se i palazzi vicini hanno una visuale diretta sull'area dell'attacco.
Prepara l'automobile con tutto il necessario, compresa un po' d'acqua per innaffiare a fine lavoro. Ricorda di avere una scusa pronta per passanti o forze dell'ordine.
Puoi facilmente raccontare che è stato investito un cane nella zona e vuoi piantare dei fiori (ehm.. non è di ottimo gusto.. ma funziona).
In generale sarà utile compiere il lavoro nel più breve tempo possibile, dunque dovrai pianificare in anticipo ogni singola operazione.
Fai una foto prima e dopo l'attacco. Ricorda che i fari accesi dell'auto e i gruppi numerosi attirano molta attenzione.
Ultimo consiglio, se tenete le piante nel bagagliaio ricordate di metterle in scatoloni o sacchetti, la terra non viene mai via completamente dalla moquette dell'auto.
Importante è anche la fase POST ATTACCO: ricorda di annaffiare per almeno 2-3 giorni dopo l'attacco. L'ideale è passare di giorno e farsi notare da qualche anziano del quartiere, a cui affidare l'onorevole compito di innaffiare l'aiuola, sarà felicissimo di farlo... forse...


      
Venerdì 4 novembre 2011 è stata la prima Giornata Nazionale del Guerrilla Gardening Italiano.


 
I principali gruppi di Guerrilla Gardening italiani hanno realizzato un attacco verde, ognuno nella propria città o regione,  dando vita al primo attacco nazionale sincronizzato di guerrilla gardening! L’iniziativa è nata da un’idea dei gruppi Badili Badola (Torino) e Giardinieri Sovversivi Romani (Roma), in accordo comune con diversi gruppi di altre zone d’Italia legati alla “guerriglia verde”, come Gelsomino Group Guerrilla Gardening (Soresina, Cremona), Terra di Nettuno (Bologna), Zappata Romana (Roma),  ed tanti altri.
Per chi volesse leggere qualcosa sull’argomento Kowalsky ha pubblicato di recente un il libro Guerrilla Gardening: Manuale di giardinaggio e resistenza contro il degrado urbano.
Gli autori sono Michele Trasi e Andrea Zabiello.


    
Un vero e proprio manuale con consigli, ricette, piante e tecniche di guerrilla-gardening. All’interno anche descrizioni dei gruppi esistenti in Italia, illustrazioni delle tecniche e delle strategie di giardinaggio sovversivo.
Il Guerrilla Gardening è la resistenza estrema non violenta al degrado urbano. Consiste nell’appropriarsi di spazi pubblici abbandonati, avviliti dal cemento e dall’incuria, e nel creare piccoli giardini.
Un manuale che vi suggerirà come organizzarvi, sgranchire il vostro pollice verde e mettervi in rete.



Graficherò web agency
Web Agency: GraficheròMappa   | Login